Dipartimento di<br /> Ingegneria Civile, Edile e Ambientale<br /> dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

Dipartimento di
Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

  • 11.03.2020: Messaggio agli Studenti sulle procedure per l’emergenza sanitaria Coronavirus avviate dalla Federico II e dal Dicea ...approfondisci
  • 05.03.2020: Il testo integrale del DPCM del 4 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6 MISURE URGENTI contenimento e gestione epidemia da COVID-19 ...approfondisci
  • 28.02.2020: DYCLAM+ ...approfondisci
  • 18.04.2019: Career Day della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base ...approfondisci
  • 08.04.2019: premiazione del progetto Sii Saggio ...approfondisci
  • 05.04.2019: La costruzione digitale dello spazio urbano. 3D modelling & printing ...approfondisci
  • 17.01.2019: Moovit’s University Program Graduates From the TeMALab Dicea ...approfondisci
  • 10.01.2019: New issue of TeMA. Journal of Land Use, Mobility and Environment ...approfondisci
  • 20.09.2018: Tariffe ridotte area parcheggio a servizio delle Aule di via Nuova Agnano per gli studenti ...approfondisci
  • 29.06.2018: Dottorato di Ricerca in Ingegneria dei Sistemi Civili - Ciclo 34 ...approfondisci
  • Dicea
    News
    News
    Workshop Wher_

Data: 15/10/2019

Mercoledì 16 ottobre, dalle ore 12.30 presso il laboratorio TeMALab della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base nella sede di Piazzale Tecchio, si svolgerà un Workshop con la partecipazione della startup Wher, app dedicata alla mobilità femminile. L’evento, organizzato dal prof. Gerardo Carpentieri, è rivolto agli studenti del corso di Strumenti di Governo del Territorio del Corso di Studio in Ingegneria Edile-Architettura per approfondire la conoscenza dei nuovi strumenti di analisi e delle nuove tipologie di dati di supporto allo sviluppo delle città. Durante la mattinata gli studenti saranno coinvolti nell’attività Urban Mapping, attività di raccolta dati in modalità crowdsourcing (sviluppo collettivo di un progetto da parte di volontari esterni all’entità che ha ideato il progetto stesso) tramite l’app di Wher...
 
Il Laboratorio Territorio Mobilità e Ambiente (TeMALab) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, dal 2006, ha come compito primario lo studio delle relazioni tra Territorio, Mobilità e Ambiente in un'ottica di integrazione, scientifica e disciplinare, per fornire nuove soluzioni alle problematiche che le città affrontano. In tale senso, numerose sono le attività di collaborazione tecnico-scientifiche avviate con le pubbliche amministrazioni e le realtà private locali e nazionali.
Uno dei principali filoni di ricerca sviluppato in questi anni, riguarda il rapporto tra la mobilità e le trasformazioni urbane, tramite l’impiego di Big Data e degli Open Data e la messa a punto di strumenti di supporto alle decisioni innovativi per migliorare accessibilità urbana anche in termini di sicurezza dei cittadini.
L’avvio di nuove collaborazioni tra il TeMALab e le realtà tecnologiche dell’IT costituisce una naturale prosecuzione del lavoro di ricerca e sperimentazione per lo sviluppo di nuove metodologie e strumenti per affrontare le sfide sociali, ambientali e economiche che interessano i sistemi urbani e territoriali. L’organizzazione di workshop didattici presso il TeMALab con la partecipazione di aziende IT che si occupano di Territorio, Mobilità e Ambiente ha come obiettivo quello di trasferire agli studenti le conoscenze strumentali e le esperienze lavorative da utilizzare nella scelta del futuro percorso professionale e delle soluzioni tecniche da poter utilizzare.
 
Wher è l’applicazione gratuita in cui una Community di donne consiglia ad altre donne le strade più sicure da percorrere. Lanciata nel gennaio del 2018 nella sola città di Torino, ha visto nel corso del 2019 l’apertura di diverse città italiane tra cui Napoli che inizia ora la fase di mappatura. Attualmente Wher è presente in 20 città italiane e 4 città straniere, tutte caratterizzate da assetto metropolitano e presenza di studentesse, il principale pubblico dell’applicazione.